domenica 20 maggio 2018

ANALISI POESIA SPECCHIO DI SALVATORE QUASIMODO ESERCIZI SVOLTI

La lirica Specchio, di  Salvatore Quasimodo, descrive il momento della rinascita primaverile, quando le gemme sembrano fiorire improvvisamente sugli alberi trasformando il paesaggio.
L'io lirico si identifica con l'acqua limpida che riflette il cielo nelle pozze e con quello stesso verde che punteggia il tronco degli alberi, rinnovandoli.


Ed ecco sul tronco
si rompono gemme:
un verde più nuovo dell’erba
che il cuore riposa:
il tronco pareva già morto,     
piegato sul botro. [fosso]

E tutto mi sa di miracolo;
e sono quell’acqua di nube  [la pioggia]
che oggi rispecchia nei fossi
più azzurro il suo pezzo di cielo,
quel verde che spacca la scorza
che pure stanotte non c’era.





DOMANDE

1)  Riassumi brevemente il contenuto del testo




2) Indica il tipo di verso usato, la struttura della lirica e il metro




3) Nella lirica compaiono immagini relative alla vita e alla morte. Indicane alcune.




4) Facendo riferimento all'attacco della poesia ("Ed ecco"), spiega quale idea l'autore voleva sottolineare utilizzando proprio questa espressione.




5) Di cosa è simbolo l'albero descritto nella lirica?




6) Ritieni che il sentimento del poeta possa avvicinarsi ad un panismo di tipo dannunziano, cioè ad un'identificazione totale dell'io lirico con la natura stessa?




7) Quali figure di suono sono presenti nel testo? Indicane qualcuna.





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...